Piedibù

La canzone del Piedibu' è stata composta da Antonella Cuomo.

Ecco il testo:

Stamattina giù dal letto son cascato
non so dirvi se ero sveglio o se ho sognato
non ricordo neanche se mi son lavato
so soltanto che mi sento addormentato.
E la mamma anche oggi in tutta fretta
a rovescio mi ha infilato la maglietta
ho sentito la mia casa che tremava
nulla di grave era solo lei che urlava:
“ Sbrigati è tardi, guarda che artigli!
Io son già pronta, ti aspetto giù!
Che gran daffare mi danno i figli!”
E mi ha spedito in groppa al piedibù.

RITORNELLO

Col piedibù, col piedibù
si arriva a scuola tutti insieme,
sul piedibù, sul piedibù
salire presto ti conviene,
sul piedibù, sul piedibù
facciamo a chi sale prima,
ci sto già io, ci stai pure tu
evviva il nostro piedibù.

Mi dirigo dritto dritto alla fermata
per salire sulla linea colorata
spero tanto vada bene la giornata
sorrido a un cane e intanto l’ho pestata.
Ad un tratto vedo uno sconosciuto
quasi quasi grido forte aiuto aiuto
e mentre quello lento si avvicina
mi accorgo che ha per mano una bambina.
Non l’ho mai vista però se resta
mi faccio un tuffo negli occhi blu
e se m’invita alla sua festa
lo guido io per lei il piedibù.

RIT. Col piedibù, col piedibù…

All’autista mostro fiero il mio biglietto
nella mano poi lo tengo stretto stretto
alzo gli occhi e vedo il cielo come tetto
sarò più bravo dai mamma lo prometto.
Arriviamo alla scuola tutti in fila
certamente siamo più di centomila
è una festa di parole e di colori
maestro dai facciam lezione fuori.
Dalla mattina fino alla sera
se sei un po’ triste noi ti tiriamo su
anche d’inverno è primavera
se siamo tutti in groppa al piedibù.

RIT. Col piedibù, col piedibù…

Unless otherwise stated, the content of this page is licensed under Creative Commons Attribution-Share Alike 2.5 License.